Posizione previdenziale dell'amministratore

Ogni professionista deve provvedere, prima dell'inizio dell'attività, ad aprire una posizione previdenziale.

Alcune categorie di professionisti hanno una propria Cassa Previdenziale Autonoma e non devono pertanto iscriversi all'Inps, è il caso dei Commercialisti, Avvocati, Ingegneri, Architetti e altri, generalmente si tratta di quei professionisti per i quali esiste un Ordine Professionale.

I professionisti invece che non hanno una propria cassa previdenziale autonoma devono iscriversi alla Gestione separata dell'Inps, ed è questo il caso degli amministratori di Condominio. L'iscrizione avviene esclusivamente con il canale telematico, e va fatta contestualmente all'apertura della partita Iva.

In particolare per gli amministratori di condominio è obbligatoria l'iscrizione alla Gestione separata dell'INPS, prevista dalla legge 8.8.1995, n. 335.

L'iscrizione all'INPS è obbligatoria e non adempiere comporta sanzioni.

La domanda d'iscrizione deve essere presentata all'Inps utilizzando i moduli in distribuzione presso tutte le sedi; in alternativa ci si può iscrivere anche on line collegandosi al sito www.inps.it .

Nella domanda devono essere specificati diversi dati quali i propri dati anagrafici, il codice fiscale, il tipo di attività svolta e la data di inizio dell'attività.

I contributi Inps previsti per l'anno 2013 alla Gestione separata sono i seguenti:

  1. Aliquota del 27,72% per i soggetti non iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria oltre alla gestione separata e non pensionati;
  2. Aliquota del 20% per i collaboratori e i professionisti iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria, oltre che per i titolari di pensione diretta e per i titolari di pensione di riversibilità.

Il contributo alla Gestione separata va versato all'Inps con il modello F24 ed è calcolato con le percentuali suddette sul reddito netto professionale conseguito nell'anno

Per chi inizia l'attività, il primo versamento a saldo viene eseguito entro i termini di pagamento previsti per i versamenti Irpef ed è calcolato in apposito quadro del Modello Unico da presentare l'anno successivo alla dichiarazione di inizio dell'attività. 

Gli eventuali acconti vanno versati negli stessi termini per i versamenti Irpef.