Non ho tutti i requisiti per diventare amministratore! Sono ammesse delle eccezioni?

Cosa succede se non si hanno tutti i requisiti per diventare amministratore di condominio? Sono tutti necessari?

La risposta è no!

La riforma del Condominio ha ammesso delle eccezioni rispetto ai requisiti per diventare amministratore di condominio e proveremo a spiegarle in questo articolo.

Perché la riforma ha deciso di non escludere tutti quelli che non hanno i requisiti per diventare amministratore di condominio?

Per evitare notevoli problematiche a categorie di lavoratori che da anni svolgono l'attività di amministratore di condominio e che sarebbero diventati improvvisamente "irregolari".

Per questa categoria di lavoratori l legislatore ha previsto, con l'art.71 bis disp.att.ve c.c. due particolari esenzioni che, se verificate, consentono lo stesso l'accesso alla professione di amministratore.

Quali sono le eccezioni ammesse per diventare amministratore di condominio senza possedere tutti i requisiti?

Le esenzioni riguardano in particolare i punti relativi alla formazione professionale (punti 6 e 7 ne abbiamo parlato in "Come diventare amministratore di condominio"), per cui è possibile accedere alla professione di amministratore anche senza avere un titolo minimo di scuola superiore o aver frequentato un corso di formazione, purché siano verificate una delle seguenti condizioni:


  1. L'amministratore è nominato fra i condomini dello stabile
  2. L'interessato ha amministrato per almeno un anno nei 3 anni precedenti al 18 giugno 2013 (data di entrata in vigore della legge) almeno un condominio. In questo caso è consentito l'accesso alla professione senza il rispetto dei punti 6,7, ma resta valido l'obbligo di formazione periodica.
  3. L'interessato ha aperto la partita IVA per l'esercizio di quest'attività, con il codice 68.32.00 specificatamente destinato ad Amministrazione di condomini e gestione di beni immobili per conto terzi

Grazie a queste esenzioni è possibili accedere alla professione di amministratore di condomini con l'obbligo di rispettare solo i primi 5 punti (relativi all'onorabilità, inderogabili).