I compiti dell'assemblea condominiale secondo l'art. 1135 c.c.

I compiti dell'assemblea condominiale secondo l'art. 1135 c.c.

L'assemblea di condominio, nell'ordinamento giuridico italiano, è l'organo deliberante del condominio, disciplinato dagli art. 1135, 1136 e 1137 del codice civile italiano e costituisce, insieme all'amministratore, l'anima del condominio.

Si tratta, praticamente, dell'organo deliberante che ha i maggiori poteri per decidere ed incidere, nel bene e nel male, sulla vita del condominio.

Perché l'assemblea condominiale è un organo strategico per il condominio? 

L'assemblea condominiale è l'organo:

  • Principale del condominio;
  • Preposto a deliberare;
  • Che rappresenta il condominio e tutti i condòmini titolari di un diritto di proprietà delle unità immobiliari costituenti l'immobile.

L'assemblea condominiale si considera validamente e regolarmente costituita solo in seguito all'approvazione/formazione delle tabelle millesimali.

Quali sono i compiti dell'assemblea condominiale? 

In base all'articolo 1135 del codice civile, i compiti e le attività dell'assemblea sono i seguenti:

  • Nomina, conferma, revoca dell'amministratore (art. 1129 c.c.) e dell'eventuale sua retribuzione (art. 1135 c.c.);
  • Approvazione del preventivo delle spese occorrenti durante l'anno e alla relativa ripartizione tra i condòmini;
  • Approvazione del rendiconto annuale dell'amministratore e all'impiego del residuo attivo della gestione;
  • Valutazione delle opere di manutenzione straordinaria e delle innovazioni, costituendo obbligatoriamente un fondo speciale di importo pari all'ammontare dei lavori; se i lavori devono essere eseguiti in base a un contratto che ne prevede il pagamento graduale in funzione del loro progressivo stato di avanzamento, il fondo può essere costituito in relazione ai singoli pagamenti dovuti.
  • Approvazione (ovvero ratifica) dei lavori di straordinaria manutenzione fatti eseguire dall'amministrazione senza delibera assembleare
  • Deliberazione sui provvedimenti presi dall'amministratore ed eccedenti le sue competenze
  • Approvazione e modifica del regolamento condominiale (art. 1138 c.c.) 
  • Scioglimento o divisione del condominio (artt. 61-62 disp. di att. c.c.)
  • Avvio di azioni legali oppure resistenze in causa, per le materie che esorbitano le competenze dell'amministratore
  • Attuazione di decisioni circa la modifica o l'approvazione della tabella millesimale
  • Irrogazione della sanzioni per le infrazioni al regolamento di condominio.

Ovviamente la precedente è un'elencazione meramente esemplificativa che, come dice il primo comma dell'art. 1135 c.c., è integrata dal contenuto degli articoli precedenti.

L'attività dell'assemblea viene fotografata in un documento chiamato verbale e le decisioni che essa prende sono dette deliberazioni.

I due carabinieri in condominio
Fattura elettronica nei condomini. Cosa prevede la...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Ancora nessun commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 20 Gennaio 2020

Immagine Captcha

Vuoi Essere Aggiornato?

Condominio Sereno

© 2019 Condominio Sereno. Tutti i diritti sono riservati. E' vietato riprodurre il contenuto di questo sito senza autorizzazione. Realizzato da Digital Advice Srl

"Unconsigliosu.it/ Softemotion.it

});})(jQuery);